Il piercing alla lingua è diventato una moda molto diffusa tra i giovani ma in pochi sanno cosa fare dopo averlo fatto. Spesso chi decide di fare questa particolare scelta è preso dall’euforia del momento e non si sofferma su quali saranno le conseguenze di un gesto così estremo. Non è, infatti, del tutto naturale e spontaneo praticare un foro sulla lingua nel quale applicare un oggetto ornamentale (appunto il piercing). Sopratutto i giovani ignorano il percorso che dovrà essere necessariamente seguito una volta forata la lingua.

Non bisogna essere particolarmente tecnici per capire che una volta inserito il piercing sarà indispensabile seguire delle accortezze per evitare spiacevoli rischi per la salute. Come ben noto, subito dopo la perforazione della lingua la prima reazione, oltre ad una sensazione di fastidio e di dolore con intensità differente da persona a persona, sarà quella di assistere ad un sostanziale gonfiore (ingrossamento) della lingua stessa. Questo gonfiore può durare da qualche settimana fino ad mese circa ed in questo periodo è fondamentale seguire alcune regole. In linea di principio possiamo identificare 4 importanti comportamenti da adottare subito dopo il post operatorio:

  • IGIENE ORALE. Il rischio maggiore che si corre, una volta eseguito l’inserimento del piercing, è quello di contrarre un’infezione. Non si tratta di piccole conseguenze di poco conte ma, addirittura, di mettere a repentaglio la propria vita. E’ molto conosciuto il caso di un ragazzo istraeliano deceduto per via di alcune complicazioni a seguito di una brutta infezione alla lingua che poi è  arrivata fino al cervello. Questo per dire che la corretta igiene orale post piercing è assolutamente obbligatoria. Per far ciò possono essere usati, anche più di una volta al giorno, appositi colluttori. Va da se che, essendo la parte particolarmente sensibile per il trauma subito, i prodotti usati non devono contenere alcool ne suoi derivati;
  • CORRETTA ALIMENTAZIONE. Il gonfiore della lingua crea significativi disagi nel parlare e sopratutto nel masticare. In questo contesto, ovviamente, bisogna fare attenzione a anche a quello che si mangia fino al completamento sgonfiamento della lingua. Questo non deve, comunque, compromettere il regime alimentare del soggetto nel senso che devono essere assunte quotidianamente tutte le sostanze necessarie a soddisfare una corretta alimentazione. Si possono privilegiare alimenti liquidi o molto morbidi a quelli solidi (frullati, succhi di frutta, latte, frutta, verdura etc.). Chi deve assumere pasta o carne, o altri alimenti solidi, può tritarla per renderla più facilmente deglutibile. E’ assolutamente sconsigliato, inoltre, assumere pasti caldi dando la preferenza a pietanze a temperatura ambiente;
  • EVITARE DI FUMARE. Questo aspetto è di fondamentale importanza. In molti casi chi si sottopone all’innesto del piercing è anche fumatore. Senza disquisire, in generale, sui danni creati da funo, è opportuno ricordare che è fortemente consigliato non fumare nel periodo post operatorio. Il fumo potrebbe causare delle infezioni alla lingua;
  • EVITARE DI BERE ALCOLICI. Un’altra questione molto rilevante è la relazione tra gli alcolici ed il piercing alla lingua. Anche se siete abituali consumatori di alcol dovrete mettere in conto, per circa 2 – 4 settimane, che non potrete bere alcolici. Questo è dovuto al fatto che le sostanze alcoliche possono facilmente irritare il foro causando dolori e rischio di infezione.

Da ultimo, ma non meno importante, è il caso di ricordare che il piercing è un corpo estraneo al quale non siamo abituati. La mobilità della lingua deve essere, piano piano, rimodulata al fine di evitare danni alle arcate dentali. Anche se può sembrare strano molte persone sono andate incontro a questo problema causando gravi danni ai propri denti.